Cosa significa “Olocausto”?

La parola Olocausto deriva dal greco e successivamente dal latino. Con tale termine si traduce in greco il sacrificio ebraico detto ‘olah, innalzamento, un sacrificio che viene “tutto bruciato”, e che risulta gradito al Signore.

L’accezione più conosciuta di questo termine è tristemente legata alla persecuzione e stermino di circa sei milioni di Ebrei, attuata dal regime Nazista e dai suoi collaboratori.

C’è da dire che associare lo sterminio degli ebrei all’offerta sacrificale del mondo antico ha infastidito non poche comunità, si tratta di un’ambiguità che genera disagio, ed è per questo che – quando si parla di genocidio degli Ebrei – si preferisce utilizzare un altro termine, mutuato dall’ebraico e considerato più adatto in quanto più legato al significato di “distruzione”, Shoah.

Ciò nonostante il termine “Holocaust” è tuttora la parola più utilizzata nel mondo anglosassone per identificare il genocidio degli Ebrei.

La Memoria rende Liberi - Memory makes us Free - ISIS Europa