Benvenuto nell’home page di “La memoria rende liberi”, un racconto immersivo dedicato alla Shoah, in particolare ai campi di sterminio nazisti di Auschwitz, e a tutti coloro che lì hanno perso la vita.

La memoria rende liberi
Al visitatore - Lettera di Primo Levi
previous arrowprevious arrow
next arrownext arrow
PlayPause
previous arrownext arrow
Shadow
Slider

La Memoria rende Liberi non vuole essere una visita turistica, non ha senso essere turisti ad Auschwitz, piuttosto è il tentativo da parte di tutto il team di lavoro di rendere omaggio ai milioni di morti causati dal delirio nazista, e di comprendere i fatti che sono accaduti in questi luoghi.

A questo scopo abbiamo acquisito con attenzione informazioni storiche attendibili, e abbiamo cercato di riportarle all’attenzione di tutti in una forma nuova e – speriamo – in grado di suscitare in tutti gli utenti le stesse domande che a noi sono venute spontanee: una lunga serie di domande alle quali abbiamo dedicato un’intera sezione – La stanza delle domande – pur non pretendendo di dare risposte a tutte, ben consci che argomenti di tale grandezza e complessità non ammettono l’esistenza di risposte definitive.

Our working team is actually working on English text developing, on graphics creating and on testing Web virtual plaftorms that will act as a structure for our English Web application. See you in October 2020 (English version)

La Memoria rende Liberi - Memory makes us Free - ISIS Europa